Riva Ligure, i bimbi delle elementari imparano a differenziare

Lunedì scorso, tutti gli alunni della Scuola Primaria “Sandro Pertini” dell’Istituto Comprensivo di Riva Ligure hanno partecipato alle “lezioni di differenziata”, organizzate dal Centro di Formazione Pastore di Imperia, in collaborazione con il Comune di Riva Ligure. 

“Sono rimasto particolarmente colpito – racconta il Sindaco Giorgio Giuffra – dalla competenza con la quale i bambini di tutte le classi hanno trattato il tema dei rifiuti. Grazie al lavoro svolto dai genitori a casa e dalle insegnanti a scuola, oggi i ragazzi sanno molto bene che il tetrapack® va nella carta e che la plastica va conferita schiacciata e pulita. Per questo, siamo contenti di aver dato degli incentivi proprio ai giovani, che sono il nostro futuro e il nostro presente e che sanno meglio degli adulti come rispettare l’ambiente e fare bene la raccolta differenziata. A seconda dell’età – continua il Sindaco – sarà applicata una riduzione del 15% o del 30% della parte variabile della tariffa alle famiglie i cui minori registreranno in un anno almeno 4 accessi con conferimento di rifiuti differenziati presso il Centro di Raccolta intercomunale di Via Ortassi a S. Stefano al Mare. Inoltre a seconda dell’età, sarà applicata una riduzione del  15% o del 30%  della parte variabile della tariffa alle famiglie i cui minori frequentino un corso od un’attività di carattere sportivo di almeno 6 mesi di durata, con pagamento della quota di iscrizione a favore di associazioni o società sportive riconosciute”.

“Alle domande del nostro ecoquiz – aggiunge Mario Casella, Responsabile del Centro Pastore – i ragazzi hanno risposto in modo corretto, sapendo che i tappi di sughero se non più riutilizzabili vanno nell’organico, che il polistirolo va nella plastica e che il vetro va conferito senza sacchetto”.

“Insomma una prova da 10 e lode – conclude Monica Previati che insieme con Casella sta seguendo il progetto di comunicazione per il Comune di Riva Ligure – . Il progetto, però, non finisce qui. Nel pomeriggio, grazie alla collaborazione dell’Unicef, i bambini hanno prodotto delle bambole di pezza, delle Pigotte, che verranno ridate all’Unicef per essere vendute ed aiutare così altri bambini. Inoltre la scuola, grazie a queste attività, avrà la possibilità di partecipare alla bandiera verde FEE e concorrere per ottenere questo riconoscimento internazionale”.

Insomma, un ciclo virtuoso che parte dai rifiuti e che va ben oltre la raccolta differenziata, arrivando a premiare la città di Riva, la scuola e l’intero territorio. “Un ciclo – conclude Giuffra – che continueremo ad incentivare e ad alimentare con nuove proposte ed idee perché l’età della differenziata, non ci stancheremo mai di dirlo, è adesso”.

Leave a Comment